Scuola Macchi: Con Elisa le biglie non sono un gioco da ragazzi

Le biglie di Elisa

Dopo il cubo con annesso percorso per biglie, produzione artigianale realizzata lo scorso autunno, la nostra alunna creatrice di rompicapi della 2^C della scuola media di Caronno V, Elisa Arru, passa al livello successivo, creando un gioco di difficoltà decisamente superiore. Si tratta di un rombicubottaedro, un solido complesso, tecnicamente è uno dei poliedri archimedei, formato da 26 facce, di cui 18 quadrate e 8 triangolari.

Su questa superficie insolita, attraversata da 48 spigoli e 24 vertici, Elisa nell’arco di un mese ha ideato, progettato e costruito un complesso percorso per biglie che si snoda lungo tutte le 18 facce quadrate, pieno di ostacoli, trabocchetti e sorprese. Con l’aiuto del papà che le ha procurato e tagliato i quadrati in plastica leggera che chiudono il labirinto, Elisa ha realizzato la sua opera mostrando abilità manuali, inventive e progettuali decisamente fuori dal comune.

Questo oggetto è così originale e ben realizzato che sarebbe già pronto per trasformarsi in un prototipo da destinare alle aziende produttrici di giochi rompicapo. Chissà se lo vedremo dietro qualche vetrina…

Complimenti, Elisa!